La Fondazione Cluster Marche, nata nell’aprile del 2018, rappresenta i Cluster Tecnologici della Regione Marche, quali aggregazioni di imprese, Università, enti di ricerca e associazioni dell’intero territorio regionale. Scopo della Fondazione è quello di potenziare le capacità del sistema dell’innovazione delle Marche, attraverso lo sviluppo di attività di ricerca collaborativa e trasferimento tecnologico e il supporto alle attività dei Cluster.


La Fondazione si propone come una struttura aperta alla partecipazione incrementale di tutti gli attori regionali interessati, con la finalità di creare un’unica community di valenza regionale, capace di essere efficacemente rappresentativa dell’aree tematiche di riferimento in una prospettiva nazionale e internazionale.


Il metodo di lavoro adottato, si basa su un approccio di tipo bottom-up con cui le necessità del territorio vengono raccolte e analizzate attraverso un processo di mappatura e scouting tecnologico. 
Le idee vengono stimolate con l’organizzazione di tavoli di lavoro e la stesura di roadmap ed infine valorizzate grazie alla condivisione con i decisori politici, il networking e la realizzazione di progettazioni congiunte.


Tramite i Cluster, la Fondazione ha attivato ad oggi un network di oltre 150 partnership e collaborazioni con imprese, centri di ricerca, Università e altri Cluster a livello nazionale e soprattutto europeo acquisendo negli anni competenze specifiche nelle azioni di disseminazione e comunicazione attraverso l’organizzazione di workshop, laboratori, tavole rotonde con i principali stakeholder del settore di riferimento. I Cluster regionali partecipano ai rispettivi Cluster Nazionali e alle piattaforme europee di riferimento.

 

I CLUSTER

I Cluster sono aggregazioni di imprese, università e istituti di ricerca che collaborano per promuovere le eccellenze nella ricerca e innovazione, e consentire al sistema Paese di competere in Europa e nel mondo. Tutti i Cluster sono in linea con le priorità del Programma Quadro per la Ricerca Europea Horizon 2020: un programma di finanziamento con un budget di 80 miliardi di euro destinati a ricerca e innovazione.


Promotore italiano della politica dei Cluster, è il MIUR che, sulla base della Strategia di Specializzazione Intelligente (S3), ha individuato dodici aree strategiche per lo sviluppo tecnologico del Paese e quindi dodici Cluster Tecnologici Nazionali.

 

Qualità, sicurezza e certificazione dei prodotti, nutraceutica, sostenibilità delle filiere produttive, precision farming.
L'Associazione Cluster Agrifood Marche (CLAM) è un'aggregazione composta dalle quattro Università delle Marche (UNIVPM, UNICAM, UNIURB, UNIMC), Istituti di Ricerca, imprese che sono legate al mondo agricolo, alimentare ed ittico, associazioni di categoria e società di servizi che collaborano tra loro per soddisfare le necessità di innovazione lungo l’intera filiera agro-alimentare del territorio marchigiano. 

 

Sicurezza, benessere e comfort, ambienti intelligenti e tecnologie multimediali, sensoristica, salute e invecchiamento attivo.
L’Associazione e-Living è un partenariato pubblico privato composto da Università, Istituti di Ricerca ed aziende del territorio che collaborano per raccogliere e studiare le esigenze della produzione manifatturiera di modelli, sistemi e tecnologie per l'Ambient Intelligence e l'Ambient Assisted Living.

 

Industria 4.0, robotica, meccatronica, nuovi materiali e processi produttivi, efficienza energetica.
Il Cluster Marche Manufacturing è un partenariato pubblico privato composto da Università, Istituti di Ricerca ed aziende del territorio che collaborano per raccogliere e studiare le esigenze della produzione manifatturiera, sempre più orientate verso una lavorazione automatizzata, efficiente, a basso impatto ambientale e orientata verso l’uomo, obiettivi definiti fondamentali dal cluster nazionale Fabbrica Intelligente.

 

Made In Italy, economia circolare, tessile, calzature, accessori in pelle, legno, arredo e suoi complementi, eco-design.


 

METODO DI LAVORO

Il metodo di lavoro si basa su un approccio di tipo bottom-up con il quale le necessità del territorio vengono raccolte e analizzate attraverso un processo di mappatura e scouting tecnologico. 
Le idee vengono stimolate con l’organizzazione di tavoli di lavoro e la stesura di roadmap ed infine valorizzate grazie alla condivisione con i decisori politici, il networking e la realizzazione di progettazioni congiunte.

 

COME ADERIRE

Per entrare a far parte della rete della Fondazione Cluster Marche, è necessario aderire almeno ad uno dei Cluster Tecnologici Regionali, in accordo con la propria tematica di riferimento.
Entrare a far parte della community dei Cluster vuol dire avere a disposizione una serie di strumenti utili ad accrescere il proprio grado di competitività e performance sia a livello regionale ma soprattutto nazionale ed europeo.